2 gennaio 2015

Impianti Fotovoltaici, Quali Tasse si Devono Pagare

Quali imposte si pagano per il fotovoltaico? - È stata confermata dal Ministero dell'Economia la natura dei beni immobili e la tassazione fiscale in materia di impianti fotovoltaici, questo a seguito di un'interrogazione parlamentare promossa dal M5S. La conferma riguarda sia il piano catastale che il piano fiscale; come stabilito dall'art. 5 del regio DL n.652 del 1939 viene definita unità immobiliare urbana ogni parte di immobile che, nello stato in cui si trova, è di per sé utile ed atta a produrre un reddito proprio.

Leggete anche la guida Pannelli Fotovoltaici, come Rottamarli: le Nuove Regole per un quadro completo della normativa attualmente in vigore.

Per quanto riguarda i beni mobili, e di conseguenza le tasse da pagare degli stessi, possono essere considerati giuridicamente immobili nel momento in cui, artificialmente o naturalmente, il bene mobile sia annesso al suolo (codice civile, art. 812): affinché venga riconosciuta l'annessione è necessario che il bene mobile sia inscindibilmente legato all'immobile, in tal modo perde la propria individualità economica e giuridica.
Leggi anche: Raccolta Differenziata e Buoni Spesa: Come Riciclare e Risparmiare - Bonus Sociale Elettricità Bonus Mobili con Detrazioni Ristrutturazione ed Ecobonus
In materia di tassazione fiscale l'Agenzia delle Entrate chiarisce la natura mobiliare o immobiliare degli impianti fotovoltaici, ribadendo che vanno considerati beni immobili nel momento in cui rappresentano una centrale di produzione di energia elettrica autonoma, la quale deve essere censita nella categoria catastale D/1 o D/10.

Tassazione fiscale e natura mobiliare o immobiliare degli impianti fotovoltaiciNel documento dell'Agenzia delle entrate si precisa che la dichiarazione di variazione catastale è necessaria qualora l'impianto fotovoltaico incrementa il valore dell'immobile nel quale è integrato di almeno il 15%: in questo caso l'impianto fotovoltaico non è registrato al catasto autonomamente, ma eleva la rendita catastale del bene immobile principale al quale è legato.

Non vanno dichiarati al Catasto, in quanto risultano beni mobili, gli impianti fotovoltaici con erogazione di energia elettrica inferiore ai 3KW; l'impianto non deve comunque aumentare il valore catastale dell'immobile per un valore superiore al 15%.

Per gli immobili sui quali è installato un piccolo impianto fotovoltaico il Governo si riserva di varare nuove leggi, norme che potrebbero venire incluse nell'attuazione della delega fiscale come da legge n.23 del 2014.