Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Bonus Irpef 80 Euro: Come Inserirlo nella Dichiarazione dei Redditi

martedì 3 marzo 2015 Aggiornato il:

Il bonus Irpef di 80 euro accreditato in busta paga ai lavoratori dipendenti e ai titolari di alcuni redditi assimilati, deve essere indicato nel modello 730 2015 precompilato. Nell'anno 2014 il bonus di 80 euro è stato erogato per un totale di 640 euro, somma percepita da chi ha un reddito non superiore a 24.000 euro; tale cifra decresce fino al raggiungimento di 26.000 euro di reddito complessivo: da questo limite in poi il bonus Irpef non spetta.
Il credito Irpef di 80 euro viene erogato in busta paga dal datore di lavoro mensilmente; per l'anno 2014 è stato accreditato a partire dal mese di maggio. Vediamo come inserire il bonus 80 euro nella dichiarazione dei redditi precompilata  col Modello 730/2015.
Leggi anche l'approfondimento in due parti de ilportafoglio.info: Il Bonus Irpef Spiegato in 7 Punti (confermato dalla Legge di Stabilità 2015) - Bonus Irpef, Previdenza Complementare e Deduzioni Fiscali (Come Rientrare nelle Fasce Di Reddito)

Come compilare il modello 730/2015 per inserire il bonus 80 euro

Il Caf o il commercialista o altro professionista abilitato possono inserire il bonus Irpef di 80 euro nel modello 730 precompilato, previo ricalcolo del credito spettante in base ai redditi dichiarati dal contribuente, il quale va indicato nel modello 730-3 ovvero nel prospetto di liquidazione.

Leggi anche:
Guida alle Detrazioni Fiscali del Mutuo Assegno al nucleo familiare INPS: guida all'ANF
Assegno di Maternità 2015 INPS e Comunale, Novità e Differenze Aiuti statali alle famiglie in difficoltà economica

Nel caso in cui il sostituto d'imposta ovvero il datore di lavoro non dovesse avere erogato, in tutto o in parte, il bonus di 80 euro, in sede di dichiarazione dei redditi viene riconosciuto l'ammontare spettante.

Diversamente, se il calcolo del credito Irpef di 80 euro dovesse risultare, in tutto o in parte non spettante in quanto ad esempio il reddito complessivo dovesse superare i 26.000 euro, allora scaturirà un debito che dovrà essere restituito con il modello 730/2015.

Qualora il contribuente dovesse aver concluso il rapporto di lavoro precedentemente al mese di maggio 2014 oppure se il datore di lavoro non può ricoprire il ruolo di sostituto d'imposta, allora il credito spettante verrà accreditato nella presente dichiarazione.

Modello 730 precompilato, ecco dove inserire bonus 80 euro

Se si presenta il modello 730 precompilato direttamente tramite Fisconline i lavoratori dipendenti e chi percepisce redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, devono indicare il bonus Irpef nella sezione C, rigo C14. In questo rigo bisogna indicare nella colonna 1 il Codice bonus che è specificato nel punto 119 della Certificazione Unica 2015. Viene assegnato il codice 1 se il credito Irpef di 80 euro è stato versato interamente o in parte: in questo caso deve essere compilata la colonna 2 riportando l'importo versato. Se viene assegnato il codice 2 se il bonus Irpef non è stato erogato o riconosciuto dal sostituto d'imposta: in questo caso non deve essere compilata la colonna 2 del rigo C14.

I lavoratori dipendenti il cui datore di lavoro non ricopre il ruolo di sostituto d'imposta come ad esempio colf, baby-sitter o assistenti delle persone anziane, devono indicare nella colonna 1 del rigo C14 il codice 2.

Nella colonna 2 del rigo C14 della dichiarazione dei redditi modello 730/2015 bisogna trascrivere l'importo del credito Irpef versato dal sostituto d'imposta il quale è specificato nel punto 120 della Certificazione Unica. Diversamente non va mai indicato nel modello 730 precompilato l'importo del bonus 80 euro indicato nel punto 121 della CU, in quanto viene riportata la cifra riconosciuta ma non erogata.

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni