Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Detrazioni Fiscali per Pannelli Fotovoltaici in Dichiarazione dei Redditi: Istruzioni, Limiti

mercoledì 24 febbraio 2016 Aggiornato il:

Le detrazioni fiscali in dichiarazione dei redditi spettano anche a chi installa un impianto fotovoltaico, il contribuente può così usufruire di un'ulteriore risparmio oltre a quello sulle bollette, infatti può essere portato in detrazione il 50% del costo di installazione, inoltre per l'installazione di un impianto fotovoltaico è prevista l'Iva agevolata al 10% anziché al 22%. Spettano le detrazioni al 50% in quanto la realizzazione di un pannello fotovoltaico è considerato come un intervento di ristrutturazione edilizia/recupero del patrimonio immobiliare.
Le spese detraibili sono quelle necessarie alla costruzione e alla realizzazione degli impianti fotovoltaici per la produzione di energia. Quindi le spese non si possono inserire in dichiarazione dei redditi modello 730 o Unico fra le detrazioni del 65% per lavori di risparmio energetico: tra questi costi rientrano invece la coibentazione, gli impianti per la produzione di acqua calda, l'installazione di pompe di calore, il miglioramento dell'efficienza energetica, l'isolamento termico degli edifici. Vediamo quali sono i limiti di importo, chi può richiedere la detrazione per l'installazione dei pannelli fotovoltaici e quali documenti bisogna conservare o presentare al Caf.

Come ottenere la detrazione del 50% per gli impianti fotovoltaici

Per usufruire delle detrazioni fiscali spettanti per l'installazione di un impianto fotovoltaico è necessario conservare le fatture o le ricevute fiscali e relativi bonifici, è infatti ammessa la detrazione solo se il pagamento avviene tramite bonifico parlante, ovvero contenente tutti i dati relativi a chi ha commissionato i lavori (codice fiscale del contribuente), a chi ha eseguito i lavori (partita Iva/codice fiscale impresa costruttrice) e il riferimento normativo esatto da riportare nella causale. Inoltre è meglio aggiungere nella causale il numero della fattura per la quale è stato emesso il bonifico. Ricordiamo che è necessario indicare i dati identificativi dell'immobile sul quale è stato installato l'impianto fotovoltaico, servirà quindi una visura catastale o il rogito per l'acquisto della casa.
Nel modello 730 è necessario compilare i campi della sezione III A e III B del quadro E, nel modello Unico bisogna invece inserire i dati nelle sezioni III A e III B del quadro RP.

Leggi anche
Elenco su Tutte le Tasse, le Detrazioni e le Spese per la Casa Dichiarazione dei Redditi con Modello 730 o Unico 2016: Istruzioni, Detrazioni, Deduzioni

Detrazioni fiscali per impianto fotovoltaico, importo massimo detraibile

La spesa massima ammessa in detrazione nella dichiarazione dei redditi è di 96.000 euro, quindi si potrà usufruire della detrazione Irpef pari alla metà delle spese sostenute, detrazione che viene erogata a rate ovvero in 10 anni. Questa rateazione deve essere utilizzata sempre e in qualunque caso a prescindere dall'età del contribuente.
Detrazioni Irpef per pannelli fotovoltaici nel modello 730

Esempio di compilazione del modello 730 nelle Istruzioni Ministeriali

Chi può portare in detrazione fiscale l'installazione dell'impianto fotovoltaico?

Le detrazioni fiscali per l'installazione del fotovoltaico spettano al proprietari dell'immobile, al nudo proprietario, a chi detiene il diritto di uso e superficie, abitazione, usufrutto, dall'affittuario (locatario, inquilino), da chi riceve in comodato d'uso l'immobile, dagli imprenditori e dai soci si società semplici e cooperative (la detrazione spetta solo se la casa non fa parte dei beni strumentali all'attività).
Anche il familiare convivente può richiedere gli sgravi fiscali, ma solo se convive con il proprietario dell'immobile, e per ottenerli deve sostenere le spese e farsi intestare bonifici e fatture; inoltre è necessario dimostrare che alla data di inizio lavori si conviveva con il proprietario.

Segnaliamo che l'installazione di pannelli fotovoltaici dà diritto alle detrazioni per ristrutturare casa, alle quali si può abbinare il bonus mobili: il bonus arredo spetta sempre se collegato ad un lavoro rientrante nella casistica degli interventi detraibili al 50%.

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni