Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Modello RLI per Contratti di Locazione: Come Compilare il Modulo, Istruzioni

giovedì 22 ottobre 2015 Aggiornato il:

Per registrare un contratto di affitto bisogna utilizzare il modello RLI: come si compila e come si invia all'Agenzia delle Entrate - Il modello RLI ha sostituito il modello IRIS, SIRIA e il software Locazioni Web e Pagamento Registro Web, e deve essere utilizzato per la registrazione dei contratti di locazione. Inoltre in alcuni casi sostituisce il modello 69 per la comunicazione delle variazioni. Scopriamo come compilare i quadri del modello RLI e come si invia all'Agenzia delle Entrate.

Il modello RLI si può scaricare dal sito dell'Agenzia delle Entrate (seguite il link in rosso per scaricare il modulo in formato file PDF), così come le relative istruzioni per la compilazione (in PDF); se dovete registrare più contratti di locazione vi servirà invece il modello RR.

Come compilare il modello RLI: istruzioni per la compilazione

Nel frontespizio del modello RLI bisogna inserire le informazioni generali riguardanti la tipologia del contratto di affitto, la data di stipula e la durata della locazione, nonché una sezione relativa ai dati anagrafici del richiedente.

Una volta compilata la prima parte del frontespizio il richiedente deve inserire i dati relativi alla registrazione o proroga del contratto di locazione; gli altri campi servono per alcuni casi particolari come ad esempio la risoluzione o la cessione, ma anche per passare dal regime ordinario di locazione alla cedolare secca o viceversa (Sezione II - Adempimento successivo).
L'ultima sezione è dedicata all'intermediario che si occupa dell'invio telematico.

I dati anagrafici relativi al proprietario o ai proprietari di casa e all'inquilino devono essere indicati nel successivo quadro B. Nel quadro C è invece necessario inserire i dati relativi all'immobile, quindi è necessario procurarsi la visura catastale della casa da affittare. Infine nel quadro D si inserisce la tipologia della locazione e dell'eventuale regime del contratto ovvero se si tratta di cedolare secca o del regime ordinario (barrando SI o NO nella casella Cedolare).


Come presentare il modello RLI per contratti di affittoQuando si utilizza e come si presenta il modello RLI

Il proprietario di casa ha a disposizione due possibilità per presentare il modulo: può utilizzare il modello RLI cartaceo o il software RLI-Web. Nel secondo caso è necessario accedere o registrarsi al servizio Fisconline dell'Agenzia delle Entrate e allegare una copia del contratto in formato file TFF, TIF, o PDF/PDA, copia che non deve essere allegata se si presenta il modello RLI con la procedura semplificata. Il modello deve essere presentato per:
  • Registrare i contratti di affitto o locazione di beni immobili
  • cessioni, proroghe e risoluzioni dei contratti di affitto e relativi conguagli di imposta
  • revoca o esercizio del regime fiscale per la cedolare secca
Si può presentare direttamente oppure si può chiedere l'assistenza di un intermediario abilitato all'invio telematico oppure presso gli uffici dell'Agenzia delle Entrate: in quest'ultimo caso si hanno a disposizione due modalità di presentazione ovvero la procedura semplificata con la quale non è necessario fornire la copia del contratto e la procedura ordinaria per la richiesta di registrazione.
Si può accedere alla procedura semplificata solo se i proprietari di casa e gli affittuari non sono più di 3, se si affitta una sola casa le cui pertinenze (box auto, cantina ecc.) non sono superiori a 3 e ogni pertinenza ha autonoma rendita catastale, se il contratto di affitto non prevede altri diritti e doveri al di fuori della locazione, se il contratto è stipulato tra persone fisiche e non dà diritto alla riduzione della base imponibile per l’applicazione dell’imposta di registro.

Per presentare il modello RLI si utilizza il software Contratti di locazione e affitto di immobili RLI.

Quando il modello RLI sostituisce il modello 69

Il modello RLI si utilizza anche per:
  • denunce riguardanti contratti di affitto non registrati, con canone superiore a quello registrato o ai comodati fittizi
  • esercizio o revoca del regime fiscale per la cedolare secca
  • comunicare i dati catastali ai sensi dell'art. 19, co.15, DL 31 maggio 2010 n° 78
  • risoluzioni, cessioni o proroghe dei contratti d'affitto 
  • richieste di registrazione dei contratti di locazione
Segnaliamo che quando la casella casi particolari è barrata, bisogna obbligatoriamente allegare copia del contratto.

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni