Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Detrazioni Fiscali e Deduzioni per Residenti all'Estero

mercoledì 24 febbraio 2016 Aggiornato il:

Ai residenti all'estero, ovvero a chiunque possiede redditi prodotti in Italia, spettano detrazioni Irpef e deduzioni che consentono di ottenere sgravi fiscali per abbattere l'importo delle tasse o imposte da versare al Fisco: i contribuenti che risiedono all'estero devono presentare la dichiarazione dei redditi modello Unico. Scopriamo quali sono le condizioni per essere considerato residente all'estero e quali deduzioni e detrazioni fiscali spettano.

La prima verifica da effettuare riguarda l'effettivo luogo di residenza: si considera residente all'estero chi non è iscritto nell'anagrafe da più di 183 giorni (o 184 negli anni bisestili), non è domiciliato in Italia per più di metà dell'anno e non ha avuto dimora abituale in Italia per più di metà anno.
Talvolta si potrebbe ritenere di essere residente in uno Stato estero, ma se le precedenti condizioni non vengono rispettate la normativa tributaria e fiscale italiana sancisce che le persone fisiche sono ancora residenti nel territorio italiano.


Deduzioni per residenti all'estero

Chi risiede all'estero può dedurre dal reddito, ovvero sottrarre dal totale dei redditi, i canoni, i livelli e i censi derivanti da redditi fondiari che gravano sui beni immobili ed eventuali contributi versati a consorzi obbligatori: dalle deduzioni vanno esclusi i contributi agricoli unificati.

Altri importi deducibili dal reddito complessivo sono le somme versate a titolo di erogazione liberale e donazione, ovvero agli istituti riconosciuti dal Ministero degli Esteri:
  • donazioni a favore delle ONG, organizzazioni non governative, per un importo non superiore al 2% del totale dei redditi dichiarati: le ONG devono operare in Paesi in via di sviluppo
  • erogazioni liberali corrisposte all'istituto centrale per il sostentamento del clero della Chiesa cattolica o in favore di altre istituzioni religiose (Unione Induista o Buddhista, Chiesa Apostolica, Evangelica Luterana, Evangelica Battista, Chiesa Evangelica Valdese, Ente morale Assemblee di Dio in Italia, Chiese cristiane avventiste del 7° giorno) : in questo caso l'importo massimo non può superare i 1.032,91€
  • altre erogazioni liberali in denaro in favore di organizzazioni non lucrative di utilità sociali, di associazioni di promozione sociale e di alcune associazioni e fondazioni riconosciute: l'importo totale non può superare il 10% del reddito complessivo
  • crediti d'imposta per redditi prodotti all'estero ovvero per i contribuenti che hanno percepito redditi in uno Stato estero al quale sono state pagare tasse a titolo definitivo: questa è forse la principale voce di deduzione fiscale per chi lavora all'estero

Deduzioni e detrazioni Irpef per i residenti all'esteroDetrazioni fiscali per non residenti

Dal punto di vista delle detrazioni Irpef per le persone fisiche, spettano i seguenti sgravi fiscali:
  • detrazioni sul reddito da lavoro dipendente e sui redditi assimilati, pensioni, lavoro autonomo e di imprese minori
  • detrazioni per gli interessi passivi su mutui stipulati per l'acquisto della casa e sui mutui agrari
  • detrazioni delle somme versate per la manutenzione di beni culturali vincolati
  • Detrazione per le donazioni o erogazioni liberali effettuate in favore dei soggetti individuati nell'articolo 15 comma 1 del Tuir 

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni