Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Cambiare Fornitore Energia Elettrica: con la Banca Dati SII da Giugno 2016 Sarà Più Facile e Veloce

martedì 24 novembre 2015 Aggiornato il:

A partire dal 1 giugno 2016 il cambio di fornitore di elettricità sarà più rapido grazie alla banca dati SII: ecco perché e come funziona - L'AEEGSI, ovvero l'Autorità per la luce, il gas e il sistema idrico, ha stabilito che la gestione di tutti i cambi di fornitori di energia elettrica avverranno in modo centralizzato tramite il SII, il Sistema Informativo Integrato: in questo modo i consumatori potranno cambiare più facilmente il proprio fornitore e risparmiare in bolletta. Ma quali sono le tempistiche previste e perché è stata introdotta la SII?

Il SII è stato pensato per favorire la concorrenza nel mercato libero dell'energia, anche con l'intento di venire incontro ai cittadini prima dell'abolizione del mercato tutelato che avverrà nel 2018: il sistema unico consentirà di cambiare fornitore velocemente e facilmente. Il passaggio verrà semplificato per agevolare i consumatori durante il periodo di transizione: al momento ben il 67% dei cittadini è ancora servito dall'ex-monopolio statale, serviva quindi una manovra per incoraggiare l'ingresso nel mercato libero.

Nel momento in cui l'utente deciderà di passare ad un altro fornitore di energia elettrica (in gergo switching) potrà rivolgersi sempre e comunque al nuovo operatore, qualunque esso sia: GasNatural Vendita, Enel Energia, Edison Energia, E.ON, Acea, Trenta Energia o altri ancora le cui offerte luce e gas trovate recensite nella sezione Casa de ilportafoglio.info. A sua volta l'operatore farà riferimento alla banca dati nazionale SII ovvero al Sistema Informativo Integrato che viene gestito da un ente diverso rispetto ai vari fornitori presenti sul mercato libero dell'energia, e la procedura di cambio di fornitura dovrà essere svolta in un tempo massimo di tre settimane.


Cambio di fornitore semplificato tramite la banca dati SIILo scopo di questa semplificazione delle migrazioni è rendere più efficiente e trasparente il passaggio di informazioni nel settore dell'energia e in futuro in quello del gas naturale per garantire ai consumatori tempi più brevi e procedure semplificate per cambiare fornitore di energia elettrica.

Come funziona il Sistema Informativo Integrato? Il principale sostenitore del SII ovvero l'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico (l'AEEGSI) ha stabilito che il sistema unico verrà gestito da un ente diverso dai gestori, per garantire il rispetto delle regole e, allo stesso tempo, consentire al consumatore di reperire più facilmente le informazioni sulle forniture di luce e gas. Similmente a quanto avviene nel settore della telefonia, da momento in cui il consumatore deciderà di cambiare fornitore, tramite la procedura nota anche con il nome di switching, l'unico interlocutore sarà l'azienda scelta per la nuova fornitura. Il gestore non dovrà comunicare con l'ex-fornitore del cliente, accederà invece al Sistema Informativo Integrato sul quale potrà reperire i dati utili per attivare la fornitura, senza rischiare di essere intralciato durante la procedura.

L'ente che gestirà il Sistema Informativo Integrato sarà tenuto a tutelare il consumatore durante il cambio di gestore dell'energia elettrica, garantendogli informazioni precise sulle tempistiche, le quali verranno inoltre ridotte a tre settimane: al momento occorre attendere un mese per effettuare la stessa operazione.

Nel SII confluiranno anche le responsabilità riguardanti l'esecuzione del cambio tra gli operatori anche nel momento in cui venga richiesta l'attivazione dei servizi di ultima istanza, ovvero il servizio tramite il quale alcune tipologie di consumatori possono continuare a fruire dell'energia elettrica: a volte per motivi indipendenti dalla propria volontà, può capitare di non essere temporaneamente serviti da un fornitore.

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni