Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Bolletta Elettrica Più Cara dal 2016 per Molti Utenti e Famiglie

martedì 8 dicembre 2015 Aggiornato il:

Nuovi cambiamenti e purtroppo altri rincari per la bolletta della luce a partire da gennaio 2016, almeno per molti utenti: infatti la classica famiglia "media" da 3-4 persone e i single (benestanti, a quanto riportano giornali e telegiornali...) pagheranno di più per la fornitura di energia elettrica ad uso domestico, pagheranno invece qualcosa meno le famiglie numerose. Si tratta di cambiamenti nelle tariffe elettriche che riguarderanno i clienti domestici sia nel Servizio di Maggiore Tutela (l'ex monopolio di Stato) che quelli passati ad un fornitore privato nel mercato libero dell'energia: introdotti dall'Autorità per l'Energia Elettrica (AEEG) all'interno del più complesso processo di riforma delle bollette per incentivare l'efficienza energetica richiesto esplicitamente dall'Europa con una direttiva del 2012, questi cambiamenti riguarderanno circa 30 milioni di utenze private.

Ma come s'intende incentivare l'efficienza energetica? Semplice: modificando i costi dei consumi di elettricità, cambiando il sistema vigente fino ad ora che prevede tariffe a scaglioni progressivi, cioè con costi unitari per kilowattora più alti all'aumentare dei consumi stessi. In pratica si pagherà lo stesso prezzo per unità, sia che si consumi tanto sia che si consumi poco: nel giro di tre anni i costi per la trasmissione, distribuzione e misura dell’energia elettrica -voce: tariffa di rete- ed i costi per sostenere attività di interesse generale per il sistema elettrico -voce: oneri di sistema, ad esempio quanto si paga in bolletta per finanziare gli incentivi per le energie alternative- saranno uguali per tutti.

Da notare che la bolletta dell'elettricità sarà dal 1 gennaio 2016 diversa, in quanto gli oneri di sistema passeranno dalla parte variabile a quella fissa: è questo un punto chiave della riforma, perchè eliminando la progressività dei costi in base ai consumi, secondo l'Autorità il sistema sarà più equo perchè si paga esattamente per quanto si consuma.

rincari bolletta della luce 2016Inoltre l'Autorità per l'Energia ha richiesto al governo un potenziamento del bonus sociale elettricità, ovvero lo sconto sulla bolletta elettrica per chi ha un basso reddito annuo: tuttavia si tratta di una speranza, mentre i cambiamenti sono certi! Inoltre, siccome nel 2015 è stato riformato il l'ISEE per il calcolo del reddito rendendolo più stringente, anche questo sostegno economico è di più difficile accesso.

Alcune simulazioni fatte dall'AEEG e riportate  dal Il Sole 24 Ore:
  • cliente tipo con consumi medi di 2.700 kWh all'anno e icontatore da 3 kW di potenza massima: aumento mensile comprensivo di imposte stimato per il 2016 in 09€, nel 2017 in 0.09€, nel 2018 in 076€, per 21 euro totali al termine dei tre anni con una spesa che passerebbe da 505 a 526€
  • cliente non bisognoso a bassi consumi (1.500 kWh l'anno: il cosiddetto "single" che ora è avvantaggiato dalla progressività tariffaria che garantisce prezzi sociali a chi consuma meno) subirà un aumento di 2e al mese nel 2016, di 3.7€al mese nel 2017, di 0.6€ al mese nel 2018
  • famiglia numerosa con consumi medi di 3500 kWh all'anno: un risparmio complessivo potrebbe essere di 46 euro (da 668 a 622 euro)
Secondo le associazioni dei consumatori e ambientaliste questi cambiamenti sono un "regalo alle lobby dei combustibili fossili", aumentano le bollette per gli utenti nelle fasce deboli della popolazione, si incoraggia l'utilizzo di energia elettrica prelevata dalla rete ancora prevalentemente prodotta da fonte non rinnovabile, si disincentiva ogni forma di risparmio di energia elettrica e autoproduzione.

Contestate anche le stime sugli aumenti, visto che Greenpeace, Adusbef, Codici Associazione Consumatori, , Italia Solare, Kyoto Club, Legambiente e Wwf parlano di rincari in bolletta fino a 100€ e affermano che "Pagheranno meno solo i grandi spreconi di energia, non importa se con nucleo familiare numeroso o meno, in quanto i costi saranno parametrati più alla potenza impegnata che all'energia consumata".

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni