18 gennaio 2016

Comprare la Prima Casa con il Leasing Immobiliare: Come Funziona, Detrazioni Fiscali

Leasing acquisto o costruzione prima casa: di cosa si tratta, come funziona - Dal prossimo anno anche le persone fisiche potranno acquistare la prima casa in leasing proprio come avviene ora per le automobili. Questo è quanto stabilito nella Legge di Stabilità 2016: il leasing immobiliare consente di acquistare o costruire casa anche in condizioni di difficoltà economica. Fino ad ora si potevano acquistare in leasing solo immobili non residenziali, ma dal 2016 si possono comprare utilizzando la stessa formula. Ecco come funziona il leasing per comprare la prima casa.
Al fine di sbloccare il mercato degli immobili è stata introdotta questa importante novità per consentire a chi vuole comprare casa ma non possiede immediatamente la somma necessaria e non ha la possibilità di richiedere un mutuo, di comprare comunque un immobile.

Ricordiamo che spettano precise Agevolazioni Fiscali per l'Acquisto della Prima Casa.

Come funziona il leasing prima casa? L'abitazione da acquistare o da costruire viene ufficialmente comprata presso un intermediario finanziario o una banca dall'acquirente, questi ottiene subito il pieno possesso dell'immobile tramite un contratto di locazione finanziaria, quindi dovrà versare un corrispettivo nel quale siano inclusi sia il prezzo di acquisto o di costruzione sia un importo corrispondente alla durata del contratto di contratto di locazione. A fine contratto l'utilizzatore può comprare la prima casa a fronte di una maxi rata finale il cui importo deve corrispondere alla differenza tra il prezzo d'acquisto e le rate pagate oppure può può restituire l'immobile alla banca con la quale ha stipulato il leasing oppure può rinnovare il leasing per un altro periodo. Il compenso che l'utilizzatore versa alla banca per usufruire dell'immobile acquistato, o costruito a seconda delle proprie esigenze, deve tenere conto del prezzo di acquisto dell'abitazione e della durata del contratto di leasing.

Leasing immobiliare per acquisto prima casa: cosa succede se l'acquirente non paga, sospensione versamento canoni di locazione

Nel caso in cui l'acquirente non pagasse il compenso, il contratto di leasing immobiliare viene rescisso e la banca o l'intermediatore finanziario, ha diritto alla restituzione dell'immobile. All'utilizzatore spetta quanto ricavato dalla vendita dell'abitazione, sottraendo però l'importo corrispondente ai canoni scaduti e non versati fino alla naturale risoluzione del contratto. L'utilizzatore può anche chiedere di sospendere il pagamento del canone periodico ma solo una volta nel corso della durata del contratto e per un periodo di tempo non superiore ai 12 mesi. Si può chiedere alla banca di sospendere il versamento dei canoni se si perde il posto di lavoro (sono esclusi i licenziamenti di comune accordo, per giusta causa, le dimissioni non per giusta causa) ma non si può sospendere quando si matura il diritto alla pensione. Al termine della proroga i corrispettivi devono essere versati con la periodicità e negli importi previsti. Alla sospensione non devono mai essere sommati importi relativi a commissioni né sommate spese di istruttoria e deve essere concessa senza che contestualmente vengano richieste di garanzie aggiuntive.


Leasing per comprare la prima casa: come funziona, detrazioni fiscaliIl leasing per acquisto prima casa avvantaggerà in particolar modo i giovani con meno di 35 anni di età con reddito non superiore ai 55.000 euro: per chi rientra in questi limiti sono previste detrazioni fiscali da usufruire in dichiarazione dei redditi, come avviene attualmente per gli interessi passivi del mutuo. Nel modello 730 o Unico PF si potranno inserire le spese per il canone di locazione e i relativi costi accessori fino ad un massimo di 8 mila euro per recuperare il 19% di tali somme (ovvero usufruire di una detrazione Irpef di massimo 1.520 euro) e potrà essere recuperato anche il 19% della maxi rata finale fino ad un massimo di 20 mila euro. Gli sconti fiscali a favore dell'acquirente si potranno inserire nella dichiarazione dei redditi del 2017.

Per gli over 35 sono comunque previsti gli sgravi fiscali, cambiano gli importi massimi per i quali è possibile usufruire dell'agevolazione fiscale: il 19% a titolo di detrazione Irpef spetta fino ad un massimo di 4.000 euro per i canoni di locazione, mentre spetta su un massimo di 10.000 euro per la maxi rata finale. Se chi richiede il leasing per comprare la prima casa si trova in difficoltà economica, questi può sospendere il versamento delle rate senza che vengano applicati interessi ma potrà farlo solo per una volta e per un periodo massimo di 12 mesi.

Inoltre se l'immobile acquistato in leasing non rientra nelle categorie catastali A1, A8 e A9 ovvero non è né di lusso né di pregio, e viene adibito a prima casa, l'acquirente potrà usufruire dell'imposta di registro ridotta all'1,5%.

Nessun commento: