Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Detrazioni Fiscali Spese Funebri nel Modello 730 e Unico: Come Detrarre i Costi dei Funerali

martedì 15 marzo 2016 Aggiornato il:

Detrazione fiscale spese per funerali nella dichiarazione dei redditi 2016 modello 730 precompilato e Unico: chi le paga, limite detraibile -  Scopriamo come inserire nel 730/2016 e nel modello Unico 2016 le spese funebri sostenute per i funerali, sia di familiari sia di altre persone, quanto è possibile recuperare a titolo di detrazione Irpef e quali sono le condizioni da rispettare per ottenere gli sgravi fiscali.

Lo sgravio fiscale per le spese funebri fa parte delle detrazioni fiscali inseribili nelle dichiarazioni dei redditi delle quali potete trovare un elenco completo nell'articolo contenente tutte le istruzioni sui modelli 730 e Unico.

Detrazione fiscale per spese funebri: quanto è possibile scaricare dall'Irpef

Ai contribuenti spetta la detrazione Irpef per le spese sostenute per i funerali ovvero si può scaricare dalle tasse pagate o da versare al Fisco il 19% dell'importo speso fino ad un massimo di 1.550 euro. Secondo noi tale importo dovrebbe decisamente essere aumentato in quanto, in base alla media delle fatture emesse dalle agenzie di pompe funebri, nella maggior parte dei casi si spende almeno il doppio in queste tristi occasioni.

Ad esempio se il contribuente dovesse aver speso 2.800 euro a titolo di spesa funebre, questi può detrarre dall'Irpef solo l'importo limite ovvero 1.550€; bisogna quindi calcolare il 19% di tale cifra ovvero in dichiarazione dei redditi modello 730/2016 o Unico si potranno inserire 295€ (il risultato dell'operazione è pari a 294,5 euro ma si arrotonda l'importo per eccesso--> 0,50€ = 1€; 0,49€=0€).


Chi paga le spese funebri e chi può inserirle in dichiarazione dei redditi

Possono beneficiare della detrazione di imposta i seguenti soggetti:
  • coniuge
  • figli, anche adottivi, o discenti prossimi (nel caso in cui il defunto non dovesse avere figli)
  • genitori e in loro mancanza gli ascendenti prossimi (nonni) o gli adottanti
  • le nuore e i generi
  • suoceri
  • fratelli e sorelle germani (i nati dagli stessi genitori) o unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali


Spese funebri: requisiti per beneficiare della detrazione Irpef 

Detrazioni fiscali per spese funebri in dichiarazione dei redditi: istruzioniPremesso che è necessario indicare i costi presenti nella sezione Oneri detraibili della Certificazione Unica consegnata dal sostituto di imposta (datore di lavoro) con il codice onere 14, le spese sostenute per i funerali sono detraibili se il contribuente è in possesso della fattura dell'impresa di Pompe Funebri ad esso intestata. Non è quindi necessario esibire al Caf o all'Agenzia delle Entrate (in caso di controlli sulla dichiarazione) nessun altro documento.

L'importo pagato, nella misura massima di 1.550€, deve essere indicato in uno dei righi da E8 a E12 con il codice spesa 14 nel modello 730 precompilato 2016, in uno dei righi da RP8 a RP14 con il codice spesa 14 nel modello Unico PF 2016.

Ricordiamo che con la Legge di Stabilità 2016 la spesa funebre è ammessa in detrazione in dichiarazione dei redditi a prescindere dal grado di parentela.

L’importo, riferito a ciascun defunto, non può mai superare il limite di 1.550€: questo limite è applicabile alla fattura quindi se più persone sostengono la spesa funebre, dovranno dividerla sempre entro il limite massimo ammesso per legge. Nel caso di più decessi bisogna compilare un rigo per ogni spesa quindi più righi da E8 a E12.

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni