Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Scadenze Fiscali 2016: Rate Tasi e Imu, Dichiarazione dei Redditi con Modello 730 e Unico, Irpef

venerdì 20 maggio 2016 Aggiornato il:

Modello 730, Irpef, IMU, TASI: ecco quali sono le scadenze più importanti da segnare sul calendario - Come tutti gli anni i contribuenti sono tenuti a rispettare alcuni appuntamenti con il Fisco quali la presentazione della dichiarazione dei redditi e il versamento delle tasse sulla casa: in questo articolo scopriamo quali sono le scadenze 2016 di IMU, TASI, 730 e Unico.

Scadenze IMU e TASI  2016

Anche quest'anno l'imposta municipale propria sugli immobili si paga in due rate: l'acconto IMU deve essere versato entro il 16 giugno mentre il saldo IMU cade il 16 dicembre. Ricordiamo che l'imposta non si paga sull'abitazione principale e sulle relative pertinenze ovvero su box, cantine e solai, se la casa rientra nelle categorie catastali da A2 ad A7. Deve invece essere versata se l'abitazione principale rientra nelle categorie A1, A8 e A9, mentre si paga sempre, a prescindere dalla destinazione, sulle seconde case.

Dal 2016 la Tassa sui Servizi Indivisibili segue le stesse regole dell'IMU ovvero non deve essere pagata per l'abitazione principale e le sue pertinenze le quali non devono essere definite al catasto come di lusso. Anche le scadenze della TASI sono identiche: l'acconto si paga il 16 giugno, il saldo si versa il 16 dicembre.

Leggi anche:
Calcolo Tasi: Quanto si Paga per la Prima Casa Detrazioni e tasse sulla casa 2016

Scadenza Modello 730 2016 per la dichiarazione dei redditi

Aggiornamento 20 maggio - approvato dal ministro Padoan il decreto della Presidenza del Consiglio che introduce una proroga alla scadenza per l'invio del Modello 730 2016, in qualsiasi forma (precompilato o ordinario): si passa dal 7 luglio al 22 luglio. La dichiarazione dei redditi semplificata viene messa a disposizione sul sito dell'Agenzia delle Entrate a partire dal 15 aprile.


Scadenza Unico 2016: quando si versa l'Irpef

Chi presenta la dichiarazione dei redditi Unico dalla quale risulti un debito nei confronti del Fisco, deve pagare l'imposta sul reddito delle persone fisiche in acconto il 16 giugno e a saldo il 30 novembre: le scadenze devono essere rispettate dai contribuenti che scelgono di versare l'imposta a rate. Se il debito verso l'Agenzia delle Entrate risultante dal modello Unico non dovesse superare i 257,52€, allora il contribuente non può scegliere il pagamento a rate e deve versare l'intero importo entro il 30 novembre.

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni