20 marzo 2017

Home Care Premium INPS per Dipendenti e Pensionati Pubblici: Bonus per Assistenza Disabili e Anziani

Il progetto Home Care Premium dell'INPS è rivolto esclusivamente ai dipendenti e pensionati pubblici (ex INPDAP passati in gestione all'INPS) e consiste in un aiuto economico tra 550€ e 1050€ al mese per 18 mesi, dal 1 luglio 2017 al 31 dicembre 2018 per assistenza domiciliare a disabili, invalidi, anziani non autosufficienti che necessitano di "badante". Il sostegno, che può essere richiesto da dipendenti pubblici o pensionati pubblici per se stessi o per parenti di primo grado (genitori, figli) o il coniuge, anche gli orfani minorenni ed i coniugi superstiti, serve per pagare il/la badante, che può essere anche un familiare, oppure in servizi di assistenza di altro genere: consegna pasti, protesi e ausili e apparecchi, veicoli per invalidi, attrezzature, rimozione di barriere architettoniche...

La domanda di adesione a Home Care Premium INPS va fatta entro le ore 12.00 di giovedì 30 marzo 2017 dal sito dell'ente previdenziale (dunque bisogna avere il codice d'accesso personale, il Pin dispositivo INPS) per le prime posizioni da inserire in graduatoria, poi dal 27 aprile ci sarà possibilità di ulteriori domande: i fondi a disposizione sono però limitati. Questo sostegno alle famiglie con disabili o anziani non autosufficienti viene gestito localmente, se avete bisogno di informazioni potete recarvi presso gli uffici dei servizi sociali del vostro Comune, della ASL e simili; potete anche telefonare al numero verde 803.164 (per rete fissa, gratuito) oppure al numero 06 164164 (da cellulare, a pagamento in base alla vostra tariffa telefonica).

Comunque occorre prima iscriversi all'apposita banca dati dell'INPS se chi fa la domanda non è il "titolare della posizione assicurativa INPS dipendenti pubblici": in altre parole se chi fa la domanda non è il dipendente/pensionato pubblico ma un suo familiare. Si scarica il modulo dal sito dell'INPS, poi lo si invia tramite email o PEC, oppure con raccomandata A/R allegando copia del documento di identità in corso di validità, o via fax, al numero della sede provinciale competente per territorio, sempre allegando copia del documento d’identità in corso di validità. Potete anche consegnarlo a mano alla sede INPS competente per territorio.


Chi può avere il bonus Home Care Premium INPS - Come detto questo aiuto è solo per i dipendenti ed i pensionati del settore pubblico ex INPDAP nel cui nucleo familiare sia presente un o più di un familiare convivente o di primo grado non autosufficiente (minore o adulto, disabile o anziano non autosufficiente, malato grave...); ovviamente può farne richiesta anche il dipendente o ex dipendente pubblico che si trova egli stesso in una condizione di non autosufficienza.

Più precisamente il bonus Home Care Premium INPS 2017 può essere richiesto da (titolare = pensionato/dipendente pubblico):
    bonus inps home care per famiglie con disabili o anziani non autosufficienti
  • il pensionato/dipendente pubblico per sé stesso, per il coniuge convivente o per un familiare di primo grado
  • un familiare di primo grado del pensionato/dipendente pubblico per se stesso, per il titolare, per un familiare di primo grado del titolare, per il coniuge convivente del titolare
  • il genitore richiedente superstite per il figlio minore orfano del titolare
  • il tutore per il figlio minore del titolare
  • l’amministratore di sostegno del soggetto beneficiario per il beneficiario
  • il suocero, la suocera, i fratelli e le sorelle germani unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali del beneficiario
Requisiti per bonus Home Care Premium INPS - Oltre ad essere dipendenti o pensionati pubblici ed avere un familiare da assistere in casa, occorre presentare la dichiarazione del reddito ISEE: infatti l'importo dell'aiuto mensile dipende anche dall'ISEE socio-sanitario (se sotto gli 8000€ e in presenza di disabilità gravissima viene erogato il massimo di 1050€).
Inoltre occorre che ci sia una invalidità dal 67% al 100% con accompagnamento (minori, invalidi civili di età compresa fra i 18 e i 65 anni e invalidi civili con più di 65 anni).

Cosa si ha col bonus Home Care Premium INPS - Come detto si può avere un sostegno economico variabile tra 550€ e 1050€ al mese, a seconda del grado di disabilità e del reddito ISEE. Ma attenzione: i contributo è subordinato all'assunzione di un/una badante con regolare contratto di lavoro domestico. Può anche essere un familiare dell'assistito, ma la legge precisa che in tal caso non può essere il familiare tenuto agli alimenti nè il fruitore di permessi Legge 104 o di congedo parentale straordinario retribuito.

Come detto sono previsti anche altri servizi integrativi, ad esempio:
  • servizi domiciliari resi da operatori socio sanitari, educatori professionali, psicologi per supporto alla famiglia, fisioterapisti, logopedisti;
  • servizi e strutture a carattere extra domiciliare presso centri socio educativi riabilitativi diurni per disabili, centri diurni per anziani, centri di aggregazione giovanile, centri per l’infanzia
  • prestazioni di sollievo a favore del nucleo familiare
  • servizi di accompagnamento, trasporto o trasferimento assistito
  • consegna dei pasti
  • fornitura e installazione a domicilio di dotazioni e attrezzature (ausili) o strumenti tecnologici di domotica, non finanziati da altre leggi nazionali o regionali vigenti, per la mobilità e l’autonomia, per la gestione dell’ambiente domestico e delle comunicazioni, tali da ridurre il grado di non autosufficienza, il livello di bisogno assistenziale e il rischio di degenerazione ulteriore (protesi e ausili come pannoloni, letti e cuscini ortopedici e antidecubito, apparecchi di vario tipo, poltrone e veicoli per invalidi, mezzi per superare barriere architettoniche o eliminazione delle stesse...)

Nessun commento: