10 aprile 2017

Detrazioni Fiscali per Installazione di Veneziane, Zanzariere, Tapparelle, Tende da Sole

Ecobonus al 65% sulle schermature solari: come ottenere la detrazione Irpef, quali sistemi rientrano nella dichiarazione dei redditi
Per ripararsi dal sole in estate o comunque per ridurre parzialmente la temperatura delle stanze della propria casa, si può ricorrere alle schermature solari: la loro installazione consente di ottenere uno sconto fiscale in sede di dichiarazione dei redditi in quanto rientra nei lavori che danno diritto all'ecobonus, ovvero le detrazioni fiscali per efficientamento energetico da inserire nella dichiarazione dei redditi modello 730 o Redditi Persone Fisiche con le quali recuperare il 65% dell'importo speso per l'acquisto e il montaggio. Grazie alla proroga inserita nella Legge di Stabilità 2017, fino al 31 dicembre 2017 è possibile installare tali sistemi ed usufruire degli sconti fiscali.

Quali schermature solari danno accesso all'ecobonus e quando rientrano in dichiarazione dei redditi? Per garantirsi le detrazioni fiscali è necessario che le schermature solari rispettino alcuni requisiti. I sistemi di protezione dal sole devono essere installati all'interno di una superficie vetrata trasparente, permettere di regolare e controllare i parametri ottico-luminosi e energetici allo scopo di intervenire sulle sollecitazioni solari ovvero sulla luce che entra nella stanza. Le schermature solari devono essere montate all'interno dell'involucro edilizio e non devono essere smontate e montate dalle persone che vivono nell'immobile, e devono essere poste a protezione di una superficie vetrata trasparente. Esiste un certo margine, ovvero è possibile integrarle con i vetri delle finestre o delle porte-finestre, devono essere mobili (le schermature solari fisse sono escluse dalla detrazione fiscale) ed infine non si possono montare tende decorative: sono ammesse in dichiarazione dei redditi solo le schermature tecniche. Di seguito indichiamo le schermature che rientrano in dichiarazione dei redditi:
zanzariere - tende a veranda e a rullo - skylight esterni - tende da sole - capottine mobili - pergole con schermo in tessuto 
Possono usufruire delle detrazioni Irpef anche coloro che installano chiusure esterne, ovvero veneziane, tapparelle, persiane e frangisole: da quest'ultima categoria vanno escluse le tende decorative.

Qualora la schermatura solare esterna sia orientata verso nord e non sia abbinata ad una vetrata, si perde la possibilità di inserire la spesa in dichiarazione dei redditi. Discorso diverso per le chiusure esterne le quali si possono orientare verso qualsiasi punto cardinale e che danno diritto all'ecobonus.

Per inserire in dichiarazione dei redditi le schermature solari esterne è necessario che rientrino in una precisa classificazione energetica: tale prestazione è espressa dal fattore solare individuabile tramite il valore Gtot. Tapparelle, zanzariere e le altre installazioni sono classificabili tramite il fattore Gtot con il quale si determina la percentuale di energia solare che riesce ad entrare nella stanza dopo avere attraversato vetrata e schermatura: il valore deve essere compreso in una classe energetica compresa tra lo 0 (effetto minimo) e e il 4 (effetto ottimo).

Il contribuente deve indicare il fattore Gtot nella scheda informativa da inviare o compilare sul sito web dell'Enea: tale adempimento è necessario per poter usufruire delle detrazioni fiscali al 65%.
Ricordiamo che si possono detrarre al massimo 60.000 euro in sede di dichiarazione dei redditi.

Schermature solari e detrazioni fiscali in dichiarazione dei redditiQuali sono i documenti necessari per poter usufruire della detrazione? Chi acquista e richiede il montaggio delle schermature solari deve assicurarsi di entrare in possesso di un prodotto marcato CE, in seguito si deve verificare che sulla fattura o ricevuta fiscale sia indicata la denominazione del prodotto, l'importo pagato per l'acquisto e per il montaggio, e il riferimento alla legge, di seguito trascritto per intero: Schermatura solare dinamica ai sensi del D.L- 311/2006 allegato M (EN 13561, EN 13659, EN 13120). Inoltre il contribuente deve essere in possesso dei documenti relativi all'unità di misura del prodotto ed ai metri quadri della schermatura solare e al fattore solare.

Come ottenere le detrazioni Irpef per le schermature solari: oltre ai sopra descritti documenti e alla fattura, bisogna rispettare alcuni adempimenti. L'acquisto e il montaggio delle schermature solari devono essere pagati tramite bonifico parlante, bancario o postale, nel quale il contribuente deve indicare la normativa di riferimento (Legge 296 del 2006 e seguenti), il proprio Codice Fiscale e la Partita Iva o il C.F. del venditore.

Entro 90 giorni dalla fine del montaggio bisogna compilare ed inviare la dichiarazione di detrazione sul sito internet dell'Enea o con l'assistenza di un professionista abilitato, diversamente non si potrà usufruire delle detrazioni fiscali al 65%. Si devono indicare:
  • i dati relativi alla tipologia di schermatura solare installata (esterna, interna, integrata)
  • la superficie occupata dalla schermatura e quella della finestra protetta, espressa in metri quadrati 
  • il materiale impiegato (legno, metallo, pvc, tessuto)
  • il valore Gtot
I documenti devono essere conservati in caso di controlli da parte dell'Agenzie delle Entrate oppure presentati al professionista abilitato o al CAF per la compilazione della dichiarazione dei redditi assistita. Le spese si inseriscono sempre nella dichiarazione relativa all'anno precedente, ad esempio se avete acquistato delle tapparelle nel corso dell'anno 2016, potete inserire l'importo nel Modello 730 o Redditi Persone Fisiche 2017 (il nuovo Modello Unico).

Nessun commento: