6 giugno 2021

Differenze tra Mutuo Ipotecario, Fondiario e Chirografario

Un mutuo ipotecario o fondiario ha interessi più bassi ed eroga somme maggiori, un mutuo chirografario è più un prestito personale.
Mutuo ipotecario, mutuo fondiario, mutuo chirografario: sono anche queste le definizioni che si dovrebbero conoscere, non solo quelle oramai note di mutuo a tasso fisso, a tasso variabile, tasso misto. Se per mutuo il codice civile intende praticamente ogni tipo di finanziamento, in realtà la prassi ha ormai consolidato che per mutuo si debba intendere qualcosa di più specifico: vediamo quindi i tre tipi principali di mutuo.

Le principali caratteristiche dei tre tipi di mutuo configurano un sistema che vede da una parte i mutui ipotecari e fondiari più idonei all'acquisto di immobili o comunque per necessità che richiedono liquidità elevata, dall'altra i mutui chirografari che sono più agili nell'erogazione ma con tassi di interesse più elevati.

A proposito di tassi di interesse: c'è la possibilità di ridurre i tassi del mutuo se lo si collega al conto corrente [vedasi la guida Mutui offset: collegare mutuo e conto per ridurre gli interessi] e ciò dovrebbe valere per tutti i tre i tipi di mutuo descritti: "dovrebbe" perché sugli interessi dei mutui chirografari non c'è chiarezza.


Mutuo chirografario

I mutui chirografari sono mutui di basso importo, non oltre i 30.000 euro in genere, con durata massima di circa 5 anni; non sono garantiti dalla classica ipoteca immobiliare ma dal semplice impegno del mutuatario a rimborsare la cifra (ad esempio con lo stipendio come garanzia) e i tassi di interesse sono più alti rispetto a mutui ipotecari e fondiari; insomma, molto simili a dei prestiti classici, diffusi in particolare per finanziarie lavori di manutenzione straordinaria in appartamenti o nelle parti comuni condominiali, oppure per esigenze di imprese; a differenza dei mutui ipotecari e fondiari, per quelli chirografari non sono accessibili le detrazioni fiscali sugli interessi passivi del mutuo.

Mutuo Ipotecario

I classici mutui per acquisto casa, ristrutturazione, surroga… garantiti da una ipoteca su un immobile di proprietà del mutuatario; si tratta della tipologia più proposta dalle banche e leggendo qua sotto capirete perché.

Mutuo fondiario

I mutui fondiari hanno caratteristiche ben definite, come potete leggere in Mutui ipotecari e mutui fondiari: differenze e convenienza; perché le banche li propongono meno? Perché di solito hanno interessi più bassi dei mutui ipotecari! Ma se i mutui ipotecari possono essere richiesti anche per surroga o sostituzione di un precedente mutuo, per liquidità, per acquisto o costruzione o ristrutturazione della seconda casa, i mutui fondiari sono disponibili soltanto per esigenze legate alla prima casa.
Nessun commento: