10 aprile 2022

Detrazione Affitto Studenti Fuori Sede (Istruzioni Modello 730 e Redditi)

La detrazione affitto per studenti universitari fuori sede è per chi frequenta l'università in Italia o all'estero e consente di detrarre nella dichiarazione dei redditi il 19% della spesa. La detrazione affitto per studenti fuori sede spetta a chi paga, quindi se lo studente è nei carichi di famiglia (parenti a carico) il codice fiscale dello studente va nel frontespizio del Modello 730 o Redditi (ex Modello Unico), sezione Familiari a Carico.

Definizione di studente fuori sede a fini fiscali

La definizione ufficiale di studente fuori sede è studente iscritto ad un corso di laurea presso un'università in un Comune diverso da quello di residenza, distante almeno 100 chilometri e in una provincia diversa [art. 15 del TUIR lettera i sexies]: la definizione di studente universitario fuori sede utilizzata dall'università a cui si è iscritti può essere diversa, quindi per le varie agevolazioni offerte bisogna riferirsi a quella nel regolamento dell'Ateneo, ma per la detrazione dell'affitto si deve far riferimento a questa.

La distanza si misura per la via più breve tra il Comune di residenza e quello dell'università, calcolata su una qualsiasi delle vie di comunicazione percorribili (ad esempio ferroviaria o stradale), o sommando vari percorsi (stradale, ferroviario ecc...) ma sempre col tragitto più breve possibile. Ogni università dovrebbe avere un'applicazione per il calcolo nel proprio sito, altrimenti potete usare Google Maps o servizi simili.


Quando spetta la detrazione affitto studente universitario fuori sede o all'estero

Per inserire la spesa relativa ai canoni di locazione è necessario che lo studente sia fuori sede oppure che risieda in uno Stato dell'Unione Europea o in un Paese aderente all'accordo sullo Spazio Economico Europeo.

In dichiarazione dei redditi si possono indicare gli importi relativi ai contratti di affitto tradizionali, alla dimora presso pensioni, ai contratti di ospitalità e ad altre formule equivalenti in quanto la finalità è identica, però i contratti stipulati e registrati all'estero variano in base allo Stato di residenza.

Importante: la detrazione affitto per studenti fuori sede non spetta in caso di sublocazione (subaffitto) né per il deposito cauzionale, le spese condominiali, le spese di luce, riscaldamento o altre utenze comprese nell'affitto (dovranno eventualmente essere scorporate), la provvigione dell'agenzia immobiliare o di altri intermediari.

In caso di contratto di locazione cointestato tra più persone, si può avere la detrazione solo per la quota effettivamente pagata. Se si hanno più figli / parenti a carico che sono studenti fuori sede la detrazione affitto spetta per ognuno solo se sono diversi contratti di locazione.

La detrazione affitto per studenti fuori sede è solo per chi frequenta l'università, pubblica o privata: esclusi i master, i corsi post-laurea e di specializzazione, i dottorati di ricerca.

Esclusi anche gli studenti delle scuole superiori, ad eccezione degli istituti tecnici superiori, secondo il parere del MIUR che ne assimila le spese di frequenza a quelle sostenute per i corsi universitari, e i corsi istituiti ai sensi del DPR n. 212 del 2005 presso i Conservatori di Musica e gli Istituti musicali pareggiati (vedasi circolare Agenzia delle Entrate n 20 del 13 maggio 2011).

Per una guida sulle detrazioni spettanti per l'istruzione, potete consultare l'articolo detrazioni per spese scolastiche e universitarie.

Come inserire nella dichiarazione dei redditi la spesa per affitto studenti fuori sede o all'estero

Per chi deve compilare il Modello 730, l'importo versato per pagare il canone di locazione si deve indicare nel Quadro E, in uno dei righi da E8 a E10, specificando il codice spesa 18. Invece nel Modello Redditi (Modello Unico) il codice da inserire è sempre 18 e quanto speso si indica nella sezione I del quadro RP uno dei righi da 8 a 13.
detrazioni sull'affitto per studenti universitari fuori sede o all'estero
Esempio di compilazione
Come detto, se lo studente è un "famigliare a carico" chi paga e inserisce la spesa nella propria dichiarazione dei redditi deve indicare il codice fiscale dello studente nell'apposito spazio dedicato ai dati dei familiari a carico.

La spesa massima detraibile ammonta a 2633 euro: tale cifra rappresenta il valore sul quale calcolare la detrazione del 19%. L'importo massimo rimane fisso a prescindere dal numero di studenti e dalla somma totale versata a titolo di canone di locazione ovvero sull'importo eccedente non si calcolano le detrazioni.
Nessun commento: