11 aprile 2018

Caldaie a Condensazione: Vantaggi e Detrazioni Fiscali

Non c'è l'obbligo di installare una caldaia a condensazione, ma sostituire la vecchia caldaia con una a condensazione fa risparmiare sulle spese del riscaldamento e migliora la classe energetica. I costi di installazione si riducono con le detrazioni fiscali dell'ecobonus.
I vantaggi delle caldaie a condensazione consistono principalmente nella riduzione dei consumi per il riscaldamento  e nel miglioramento della classe energetica dell'immobile, ma è chiaro che il costo di sostituire la caldaia di vecchia generazione con una a condensazione può inficiare il risparmio in bolletta. Fino a tutto il 2018 sono disponibili le detrazioni fiscali per sostituzione caldaia (Ecobonus) che consentono di recuperare il 50%/65% della spesa. Vediamo più nel dettaglio quali benefici si ottengono con le caldaie a condensazione per il riscaldamento domestico e cosa prevedono le nuove norme.

Caldaia a condensazione, quali sono i vantaggi e quanto si risparmia sul riscaldamento? - Il primo vantaggio è che installare una caldaia a condensazione migliora la classe energetica dell'immobile, il che ne alza il valore commerciale. Installando una caldaia a condensazione si ottengono diversi benefici riguardo sia ai propri risparmi sia all'ambiente, infatti il prezzo delle caldaie è sceso rispetto al momento dell'introduzione sul mercato di tali impianti che sono in grado di recuperare i fumi prodotti per generare calore. A trarne maggiore beneficio è chi utilizza pannelli radianti per riscaldare la casa a bassa temperatura e chi ha ampi spazi da riscaldare.

Si può confermare che con una caldaia a condensazione si possono ridurre i consumi anche fino al 20- 30% rispetto a quelle ormai obsolete, ma bisogna considerare anche altri fattori inderogabili quali la manutenzione degli impianti e l'isolamento termico dell'abitazione. Fortunatamente, nella maggior parte dei casi le caldaie a condensazione non richiedono molta manutenzione e tramite la premiscelazione concorrono a abbattere le emissioni di gas serra quali il monossido di carbonio e gli ossidi di azoto.

vantaggi delle caldaie a condensazione e detrazioni fiscaliAd esclusione delle spese iniziali per l'installazione di tali impianti. al netto gli sconti fiscali, una caldaia a condensazione consente di risparmiare grazie ai ridotti costi di gestione e di abbattere allo stesso tempo l'impatto ambientale, in particolar modo quando viene accostata ad un impianto solare termico per la produzione di acqua calda: potendo disporre di tali impianti si può arrivare a risparmiare fino al 50% sulla bolletta del gas.

Grazie alle agevolazioni fiscali dell'Ecobonus e alla riduzione dei consumi per il riscaldamento, si stima che nel giro di 5 anni i costi di installazione di una caldaia a condensazione siano completamente ammortizzati.

C'è l'obbligo di installare la caldaia a condensazione? No, non è obbligatorio sostituire la vecchia caldaia con una a condensazione, ma in attuazione del programma di rinnovamento tecnologico ed energetico derivante dalla direttiva europea 32/2005, in Italia dal settembre 2015 non è più possibile immettere sul mercato caldaie non a condensazione. Dunque rivenditori e installatori non possono più proporre altri modelli di caldaie (le rimanenze di magazzino prodotte prima si possono ancora vendere e installare), ad eccezione delle caldaie a camera aperta in quei casi in cui l'impianto di riscaldamento dell'immobile, in particolare la canna fumaria, non possa essere integrato con una caldaia a condensazione.

Nessun commento: